Domotica.ch :: Il futuro è di casa ::
Case domotiche
La domotica
Il punto sulla domotica
Tecnologie
Utenti
Domotica >      
  Gestione allarmi e guasti Illuminazione e-mail
  Sicurezza Home Video e-banking
  Elettrodomestici Home Audio e-learning
  Comfort ambientale Telemedicina e-shop
  Servizi telefonici    


Comfort ambientale

Requisti delle costruzioni in rapporto agli spazi fruibili - Requisiti di comfort ambientale

Qualità dell'aria negli spazi confinati:
La definizione del volume d'aria in ciascuno spazio confinato deve essere valutata in relazione al complesso degli aspetti geometrici della morfologia di tale ambiente e in relazione alle effettive condizioni di permeabilità all'aria dei materiali impiegati nella realizzazione degli elementi di confine.
Fanno parte degli elementi che influenzano la qualità dell'aria le eventuali emissioni dei materiali impiegati nella costruzione e le condizioni di effettivo utilizzo di tali spazi.

La misurazione della qualità dell'aria deve altresì essere commisurata alle condizioni dell'inquinamento atmosferico al contorno nella consapevolezza di significative differenze fra le diverse zone dei contesti urbani.

Ventilazione naturale:
L'utilizzo della ventilazione naturale può essere considerato elemento sufficiente in relazione all'ottenimento di idonee condizioni di qualità dell'aria.
Le modalità con cui perseguire tale obbiettivo devono essere disciplinate da norme regolamentari che stabiliscano il numero di ricambi consigliati in relazione alle tipologie di apertura che si intendono adottare.

Il riscontro d'aria su fronti opposti della nuova edificazione è elemento indispensabile per l'ottenimento di risultati efficaci.
In difetto di tale requisito devono applicarsi correttivi ai dimensionamenti effettuati secondo quanto di sposto nelle singole norme regolamentari.
La valutazione degli elementi di ventilazione deve tenere inoltre conto delle eventuale uso della ventilazione ai fini del raffrescamento delle superfici in regime estivo che può essere attuata oltre che in intercapedini anche all'interno dei singoli ambienti.

Ventilazione attivata:
Ad integrazione e/o sostituzione della ventilazione naturale possono essere adottati sistemi meccanici di attivazione della ventilazione con riferimento alle specifiche destinazioni funzionali dei fabbricati.

Illuminazione naturale:
La qualità della luce naturale è da ritenersi idonea allo svolgimento di tutte le funzioni normalmente presenti nel tessuto insediativo.
L'obbiettivo di una ottimizzazione nell'uso della illuminazione naturale è da ritenersi un obbiettivo da perseguire prioritariamente soprattutto in relazione ai conseguenti risparmi energetici che esso induce.
In relazione a tale obbiettivo le norme indicano le soluzioni ammissibili anche in relazione a corpi di fabbrica profondi.
Tra queste soluzioni dovranno essere comprese anche quelle che si avvalgono di sistemi di trasporto e diffusione della luce naturale attraverso specifici accorgimenti architettonici e tecnologici.
La quantità di illuminazione naturale necessaria ad ogni attività deve essere valutata in relazione al dimensionamento delle aperture e al calcolo del fattore di luce diurna secondo il metodo specificato dalle norme regolamentari.

Illuminazione artificiale:
In alternativa all'uso della luce naturale può essere consentito l'uso della illuminazione artificiale.
Apposite norme disciplineranno le attività in cui è consentito il ricorso alla illuminazione artificiale ovvero a sistemi di illuminazione misti.

Controllo del soleggiamento:
In tutte le attività previste dalle nuove edificazioni dovranno essere previsti sistemi di schermatura atti a garantire un efficace controllo del soleggiamento riducendo al contempo gli effetti della radiazione solare incidente.
Il controllo del soleggiamento può in alternativa essere ottenuto attraverso la formazione di aggetti al di sopra delle superfici finestrate e o un loro arretramento rispetto al filo di facciata.

Comfort igrotermico:
Fermo restando quanto prescritto dalla normativa vigente in materia di contenimento dei consumi energetici nella progettazione delle nuove costruzioni dovranno essere rispettati i parametri di comfort per quanto attiene la temperatura operante e le temperature superficiali interne delle pareti esterne in relazione alle specifiche funzioni svolte all'interno di ciascun ambiente.
Dovrà in ogni caso essere privilegiata la ricerca di maggiore isolamento dell'involucro esterno a vantaggio di una riduzione dei costi di gestione degli impianti termici per la climatizzazione.
I Comuni al riguardo potranno definire criteri di particolare merito per le soluzioni che optano per tale orientamento.
In relazione alle condizioni di temperatura e umidità ambientali previste dalle singole attività le temperature superficiali devono impedire la formazione di fenomeni condensativi e la strutturazione muraria dovrà essere tale che eventuali condensazioni interne possano essere smaltite nel bilancio di accumulo della condensa estate inverno.

Comfort acustico:
In relazione alla specifica collocazione dell'edificio e alla sua prossimità con fonti di inquinamento dovute a specifici livelli di rumorosità ambientale, dovranno essere definite le condizioni di comfort acustico.

Copyright Domotica.ch tutti i diritti riservati. Design e Hosting wallsite.com